Guida al Business Plan: Il Management (Parte 8)

Business Plan

Compiamo un nuovo passo in avanti nella costruzione del nostro Business Plan.È oggi la volta di occuparci del management, ovvero delle persone (e non solamente i “titolari” dell’azienda!) che sono maggiormente in risalto all’interno dell’organizzazione imprenditoriale per importanza, guida, strategia, e non solo.

Cerchiamo insomma di comprendere come curare la sezione dedicata al management, comprendendo altresì quali sono le informazioni che il lettore del Business Plan si attende di trovare in questo segmento del documento.

Perché è importante parlare del management

Un buon prodotto/servizio può sicuramente essere una chiave di successo per l’impresa, ma qualsiasi organizzazione imprenditoriale – al di là del settore di appartenenza – non può che ammettere che, in ogni contesto, sono le persone a fare la differenza.

In questo ambito, non sono certamente pochi i casi di “studio” di prodotti e servizi particolarmente promettenti che si sono tuttavia rivelati dei fallimenti perché le relative imprese erano condotte da un management non all’altezza. Di contro, prodotti e servizi che dovevano affrontare degli ostacoli apparentemente insormontabili, si sono rivelati dei grandissimi successi proprio perché le relative imprese erano guidate da un management solido, preparato, professionale e con la giusta dose di passione e credibilità per apparire convincenti agli occhi degli investitori.

Se insomma vi state domandando quanto il management possa fare la differenza per la riuscita di un obiettivo imprenditoriale, sappiate che la risposta è… “tantissimo”! Spesso una delle sezioni che i potenziali investitori di un progetto vanno a consultare è proprio quella legata alla struttura del management, poiché le qualità e le capacità del team che sovraintende la realizzazione e lo sviluppo di un determinato prodotto/servizio sono spesso più importanti del prodotto/servizio stesso.

Si tenga comunque conto che la “valutazione” del management da parte di un potenziale investitore (o più generalmente di un lettore del Business Plan) è tutt’altro che semplice. Oltre all’analisi dei singoli nomi di riferimento, si andrà – ad esempio – a valutare quali sono i compiti loro demandati, quali sono i rapporti con gli altri manager di riferimento (conflitti, sinergie, ecc.), e – più in generale – quale può essere il valore aggiunto che il manager può apportare al progetto.

Insomma, ecco per quale motivo definire attentamente la struttura del management è una parte fondamentale del vostro Business Plan!

Le funzioni del management

Ad ogni modo, andiamo con ordine. Pur rammentando che – come tutte le sezioni – anche la parte dedicata alla struttura del management non potrà che essere personalizzata sulla base delle vostre specifiche intenzioni, questa parte del Business Plan non potrà che iniziare con una breve definizione dell’organizzazione, della struttura e delle funzioni del management, o più in generale di tutti i collaboratori più rilevanti, con le loro rispettive responsabilità.

Per esempio, si potrà procedere con ordine all’identificazione delle funzioni per singola area di attività, cominciando dalla produzione per passare alla logistica, dal marketing al commerciale, dalla ricerca & sviluppo al rapporto con le istituzioni, e così via.

Non è necessario, in questa fase, elencare tutti i collaboratori: è sufficiente individuare brevemente quelli apicali, più noti, più rilevanti, strategicamente più significativi per il destino dei propri obiettivi.

Le caratteristiche delle funzioni

Una volta che sono state individuate le funzioni, e ricollegate a ciascuna di essere le figure-chiave, si potrà procedere con la descrizione delle caratteristiche e delle competenze di ogni “combinazione” tra collaboratore e funzione, spiegando il perché sia stato scelto di prevedere quella determinata figura all’interno della propria organizzazione.

Nelle realtà più strutturate è certamente utile includere nel Business Plan anche un organigramma che possa permettere di valutare come sono collegate le varie funzioni, quali siano i loro rapporti gerarchici, e altre connessioni che renderanno più chiara l’organizzazione dell’impresa.

La presentazione del management

Superate le prime due fasi di identificazione del management e di caratterizzazione delle funzioni, arriva il momento di presentare le persone.

Pur senza esagerare con il livello di profondità, si dovranno presentare le persone che occupano ruoli di rilievo nel proprio management: sarà utile indicare una breve presentazione dei curricula delle figure-chiave, con indicazioni di titoli di studio, esperienze, successi conseguiti, e così via. Di norma, anche se potenzialmente slegata (come accade di sovente) è utile presentare anche la proprietà, con gli azionisti / partecipanti più rilevanti.

Nel far ciò, tenete conto che uno dei vostri obiettivi non dovrà solamente essere quello di conferire al documento la giusta trasparenza informativa, quanto anche quello di “trasmettere” al lettore del Business Plan la massima rassicurazione, in maniera tale che l’aver dato risalto alle competenze e alle esperienze delle persone di riferimento dell’impresa possa ridurre il rischio percepito da chi si accinge a investire e dare fiducia a un’impresa in fase di startup, riavvio o nuovo sviluppo.

 

Business Plan parte 1

Business Plan parte 2

Business Plan Parte 3

Business Plan Parte 4

Business Plan Parte 5

Business Plan Parte 6

Business Plan Parte 7

Leggi il nono capitolo!

Post correlati

Roberto Rais

Giornalista, copywriter ed esperto in marketing editoriale, collabora con alcuni dei più noti network nazionali dell'informazione

    Lascia un commento

    *