Guida al Business Plan: descrivere i prodotti e i servizi (Parte 4)

Business Plan

Torniamo ancora a occuparci della nostra guida al Business Plan, con un quarto approfondimento dedicato alla descrizione dei prodotti/servizi che la nostra iniziativa imprenditoriale ha in mente di lanciare sul mercato (o ha già lanciato).

Si tratta – quella in esame – di una sezione fondamentale del documento programmatico, e che vi permetterà di aggiungere un tassello centrale al quadro di riferimento. Dopo aver compreso che cosa sia il Business Plan, come realizzare l’Executive Summary e come descrivere la propria impresa, compiamo dunque un nuovo passo in avanti nella formulazione di un buon piano d’impresa!

Cosa è la sezione di descrizione di prodotti e servizi

Come abbiamo avuto modo di anticipare qualche riga fa, la sezione dedicata alla descrizione dei prodotti e dei servizi è un’area fondamentale del proprio Business Plan. E come risulta essere facilmente intuibile, è anche una sezione dedicata a descrivere quali sono i prodotti / servizi che la propria impresa ha in mente di offrire sul mercato, illustrandoli in maniera approfondita e facendo comprendere al lettore del documento in che modo possono divenire il perno in grado di far girare il meccanismo della propria attività, conducendolo al raggiungimento degli obiettivi desiderati.

Tra le informazioni che bisognerà condividere con il lettore del documento, troveranno naturalmente spazio quelle legate all’informativa se i prodotti / servizi sono già arrivati sul mercato o quando verranno resi disponibili, o l’indicazione dei piani di sviluppo – con incluse tempistiche – nel caso in cui invece siano ancora in elaborazione.

Bisognerà altresì dedicare ampio spazio a tutte le principali caratteristiche distintive del prodotto, soffermandosi in particolar modo su quali siano le leve di vantaggio competitivo, ovvero quali siano le determinanti che l’imprenditore ritiene possano divenire i principali fattori di successo sul mercato.

Cosa deve contenere la sezione di descrizione di prodotti e servizi

Integrando quanto sopra abbiamo premesso, cerchiamo dunque di comprendere che cosa deve includere necessariamente (ovvero, fermo restando che potrete scegliere di aggiungere altre informazioni ritenute rilevanti) la vostra sezione descrittiva:

  • caratteristiche: indicate tutte le caratteristiche fisiche del prodotto, come la forma, la dimensione, il colore, le varianti disponibili; se ne avete, potrebbe essere utile allegare al Business Plan degli opuscoli tecnici, dei fogli informativi, dei disegni, delle fotografie e ogni altro elemento che possa permettere una migliore conoscenza del bene;
  • impiego: descrivete quali sono le possibilità di impiego del prodotto, principali e secondarie, e per quale motivo l’utilizzatore del prodotto potrebbe preferire il vostro bene piuttosto che quello dei concorrenti;
  • attrattività: concentratevi anche sugli altri elementi di attrattività del vostro prodotto rispetto a quelli dei competitors, individuando oltre agli aspetti tecnici (che presumibilmente avranno trovato spazio nell’elencazione delle modalità di impiego) anche quelli estetici, funzionali, e così via.

Quali sono le 10 risposte che il lettore si aspetta di trovare

Come abbiamo avuto modo di indicare poche righe fa, anche questa sezione del Business Plan può essere liberamente personalizzata, adattandola alla specifica combinazione di prodotto / mercato / lettore.

In ogni caso, anche al fine di disporre di una pratica guida da utilizzare per poter focalizzare il tema di questo contenuto sulle giuste connotazioni, di seguito abbiamo individuato 10 domande frequenti sulla descrizione di prodotto / servizio, le cui risposte dovrebbero trovare spazio argomentativo in tale area.

  • Perché è meglio della concorrenza? Quali sono gli aspetti sostanziali e estetici che distinguono questo prodotto da quello dei competitors?
  • Quali sono i vantaggi che vengono riservati al cliente e, dunque, quali sono i valori che l’impresa ha scelto di trasferire all’utilizzatore del prodotto?
  • Quali sono le previsioni sulla futura presenza del prodotto sul mercato? A quale obsolescenza è esposto e come la concorrenza potrebbe erodere quote di mercato?
  • Come viene realizzata la produzione? Ci sono degli aspetti particolarmente delicati che potrebbero comprometterla?
  • Quali sono le politiche di prezzo che l’impresa ha scelto di attuare nella fase di lancio e in quelle successive? Quali sono i margini di profitto e come sono strutturati i costi?
  • Chi sono i clienti attuali e potenziali? A quali target si è scelto di rivolgere la propria offerta? E un cambio di target clientela sarebbe complicato?
  • L’uso del prodotto è legato alla fruizione di altri componenti? O la sua fruizione è stand-alone, senza che vi sia la necessità di integrare il suo uso con altri prodotti?
  • Quali sono le tendenze di vendita del prodotto? Quali le analisi di mercato utilizzate per poter stimare il livello di penetrazione del bene?
  • Sono già in programma innovazioni future del prodotto? In caso di innovazione, come cambieranno politiche di vendita e di prodotto? E come cambierà il valore per il cliente?
  • Il prodotto è disponibile in varianti? Quali sono e come riusciranno a comporre un’offerta sinergica per il mercato?

Considerazioni sulla descrizione del prodotto / servizio

Come abbiamo avuto modo di condividere in più occasioni in questa mini-guida dedicata alla descrizione del prodotto / servizio, non esiste una vera e propria traccia da seguire per poter elencare tutte le caratteristiche descritte della propria offerta.

Tuttavia, questo non significa che non esista almeno un canovaccio utile per poter guidare il redattore del Business Plan verso la realizzazione di una parte di documento che sia pienamente soddisfacente e in grado di rispettare le attese del lettore.

Il nostro suggerimento è pertanto quello di adattare il contenuto di questa sezione al vostro specifico contesto strategico e operativo, avendo poi cura di far leggere questa sezione ad alcuni possibili utilizzatori da individuare tra collaboratori e persone esterne alla propria impresa, e di conseguenza comprendendo se tutte le risposte attese sono state o meno incluse.

 

Business Plan parte 1

Business Plan parte 2

Business Plan Parte 3

Post correlati

Roberto Rais

Giornalista, copywriter ed esperto in marketing editoriale, collabora con alcuni dei più noti network nazionali dell'informazione

    Lascia un commento

    *