Il prodotto più premiato al CES di Las Vegas? Un hamburger vegetale al gusto di manzo…

impossible-burger startup-news

Si è appena concluso a Las Vegas il Computer Electronics Show, l’annuale fiera delle novità tecnologiche più all’avanguardia e innovative del 2019. Insieme al maxi televisore avvolgibile e allo smartwatch che si ricarica con il calore emesso dal nostro corpo, la novità che quest’anno ha colpito di più gli addetti ai lavori è stato l’Impossible Hamburger realizzato dall’azienda bio tech Impossible Food.
Pur trattandosi di un alimento completamente vegetale composto da acqua, proteine della soia, olio di cocco e girasole, aromi naturali, metilcellulosa ed estratto di lievito, Impossible Hamburger non ha niente a che vedere (almeno come gusto) con gli hamburger vegetali che si trovano anche nei supermercati italiani. Si cucina esattamente come un hamburger di carne e una volta in padella è quasi impossibile distinguerlo dall’originale. Per avere convinto un pubblico esigente come quello americano, l’esperienza del gusto deve essere proprio identica all’originale a base di carne di manzo.

Per avere convinto un pubblico esigente come quello americano, l’esperienza del gusto deve essere proprio identica all’originale a base di carne di manzo.

Non per niente Impossible Hamburger ha ricevuto il premio come miglior prodotto di CES 2019 dai siti Engadget e Digital Trends. Frutto di anni di ricerca il burger riesce a riprodurre in modo efficace la consistenza, i valori nutritivi e soprattutto il sapore di quelli fatti con carne di manzo. La prima versione, lanciata nel 2016, aveva già riscosso un buon successo negli Stati Uniti e infatti da circa un anno questi hamburger sono disponibili in più di mille ristoranti e fast food statunitensi a prezzi decisamente accessibili (2 dollari). Al momento non hanno ancora varcato l’oceano ma visto il grande successo di critica e pubblico siamo convinti che non dovremo aspettare molto.

Post correlati

Francesco Pensabene

20+ years experience as a tech journalist, senior writer and editor.

Lascia un commento

*