Mettersi in proprio, aprire una gastronomia d’asporto

Mettersi in proprio: gastronomia da asporto startup news

Chi ama cucinare e vuole mettersi in proprio può considerare la possibilità di aprire una gastronomia/rosticceria da asporto, ma senza dare la possibilità di consumare in loco: l’attività sarà più facile da avviare e da gestire. Due fattori determinano il successo di una simile attività:

  1. La bontà dei piatti in vendita e delle materie prime utilizzate.
  2. L’originalità della nostra offerta: cerchiamo di soddisfare una necessità ben precisa della clientela, soprattutto se non esiste ancora niente di simile nei paraggi.

Sfruttiamo i trend del momento e i bisogni emergenti: può trattarsi di una rosticceria per celiaci, oppure per vegetariani e vegani, o ancora – perché no – possiamo specializzarci in uno o più prodotti regionali, dalla polenta agli arrosticini.

 

I requisiti personali

Non occorrono particolari requisiti tecnico-professionali, ma chi ha esperienza nel settore risulterà sicuramente avvantaggiato rispetto a un neofita. Indispensabile conoscere in modo approfondito le caratteristiche delle pietanze che si vogliono proporre al pubblico. Se ne abbiamo la possibilità, investiamo in un corso di cucina, anche se siamo già piuttosto esperti la formazione e l’aggiornamento non guastano mai.

Il budget iniziale

Per aprire una rosticceria dobbiamo prima di tutto ristrutturare i locali che abbiamo affittato, in modo che siano adatti alle nostre necessità e rispondano agli obblighi di legge. Dopodiché dovremo acquistare arredamento ed elettrodomestici. Il budget iniziale può variare molto in base alle dimensioni e allo stato del locale che scegliamo per la nostra attività, ma trattandosi di un esercizio dove non si effettua il consumo in loco, non abbiamo bisogno di grandi metrature, possono bastare 25/30 metri quadri. Considerando che l’investimento iniziale può variare molto, per una rosticceria di piccole dimensioni avremo bisogno di circa 45/50.000 euro.

Post correlati

About Valentina Caruso

Diplomata al liceo classico e laureata in biotecnologie industriali, da 7 anni lavora nel mondo dell'editoria di settore online e su carta stampata. Collabora durante le fasi di ideazione e rilancio di prodotti editoriali e si occupa di correzione di bozze, editing e revisione di articoli, saggi e romanzi.