Le auto senza pilota di Apple sembrano più sicure di quelle di Google


Negli USA, e soprattutto in California, è in corsa una vera e propria gara tra i principali giganti della tecnologia che stanno lavorando per mettere a punto una loro macchina autonoma. Al momento i due principali competitor sono Apple e Google, ma sembra che anche Microsoft e Amazon abbiano in cantiere progetti già ben definiti legati alle automobili autonome, che sono destinate a dominare il traffico nella terza decade di questo secolo. Ad oggi Apple, che utilizza auto Lexus per la propria sperimentazione, ha denunciato solo due incidenti, di cui uno con un guidatore umano ai comandi e un tamponamento in cui la responsabilità era dell’altra vettura. Google invece ha dovuto denunciare ben 38 incidenti, di cui nella maggior parte dei casi non aveva responsabilità. Si tratta di dati affidabili visto che il numero delle sperimentazioni è simile: Google ne ha dichiarate 88 ed Apple 70, anche se poi nessuna azienda ha dichiarato il chilometraggio complessivo e questo dato potrebbe influire. Rimane comunque un numero di incidenti nettamente sbilanciato a favore di Apple che dipende sicuramente dal software utilizzato su ciascuna autovettura.

Un numero di incidenti nettamente sbilanciato a favore di Apple che dipende sicuramente dal software utilizzato su ciascuna autovettura

Questo vale anche e soprattutto per i tanti tamponamenti subiti che sono per forza di cose collegati a impostazioni di guida particolarmente prudenti. In pratica è come se ci trovassimo davanti un guidatore ultra prudente che rallenta o frena anche ben prima che scatti il semaforo oppure che si trovi a un incrocio in cui deve dare la precedenza. Modalità di guida sicuramente diverse da quelle classiche che possono portare a tamponamenti da parte di guidatori umani poco attenti.

Post correlati

Francesco Pensabene

20+ years experience as a tech journalist, senior writer and editor.

Lascia un commento

*