Facebook dava 20$ al mese a chi si faceva controllare h24

Facebook Startup-news

A Facebook conoscono già molti particolari della vita delle persone che usano il loro social network. Eppure queste informazioni non devono essere abbastanza, visto che hanno messo in piedi un programma che permetteva a utenti “volontari” di guadagnare 20$ al mese semplicemente installando sul proprio smartphone un’app che li teneva sotto controllo tutto il giorno. Più che di un’app si trattava in realtà di una VPN, cioè di una rete privata virtuale che, a differenza delle VPN classiche che proteggono la privacy delle persone, la rendeva pubblica ai tecnici di Facebook.
Parliamo al passato in quanto Facebook ha interrotto il programma dopo che se n’è iniziato a parlare sui social e soprattutto dopo che il sito di tecnologia Techcrunch ha pubblicato un articolo che ha destato immediatamente scalpore e ha spinto Apple a denunciare il progetto come illegale, ordinandone l’immediata interruzione sui suoi dispositivi.
Costretta a bloccare il programma per gli utenti iOS, ora Facebook ha deciso di sospenderlo anche per quelli Android e, in un tentativo di trasparenza fuori tempo massimo, ha comunicato tutti i particolari: il programma partito nel 2016 si rivolgeva a volontari dai 13 ai 35 anni che accettavano di installare sul loro dispositivo l’app Facebook Research

Il programma partito nel 2016 si rivolgeva a volontari dai 13 ai 35 anni che accettavano di installare sul loro dispositivo l’app Facebook Research

che rendeva disponibili al social di Zuckerberg tutti i messaggi privati, le chat dei programmi di messaggistica con foto e video, i contenuti delle mail e delle ricerche web e anche le informazioni sulla localizzazione e sugli spostamenti.
In pratica accettando si rinunciava completamente alla propria privacy in cambio di 20 dollari al mese.
Naturalmente, secondo Facebook si è trattato solo di un esperimento sociologico per migliorare il social network. Ma visto il clamore suscitato sembra piuttosto essere stata un’iniziativa da Grande Fratello.

Post correlati

Francesco Pensabene

20+ years experience as a tech journalist, senior writer and editor.

Lascia un commento

*