Startup, quanto vale la tua idea?

idea - startup-news


L’amore più grande di ogni startupper è per la propria idea.
La si ama, la si sogna, la si coltiva, tanto da cercare di proteggerla il più possibile, evitando di condividerla se non con persone fidate ben lontani dagli “addetti ai lavori”.

L’idea per una startup

Ma qual è il modo migliore di proteggere la propria idea? La risposta è semplice: nessuno.
Proprio così, perchè l’idea in sè non ha alcun valore. È la realizzazione della tua idea ad avere valore. Questo è il motivo per cui Facebook vale miliardi di dollari e altri 1000 social network invece no, è il motivo per cui una azienda può valere zero o milioni di euro in momenti diversi del proprio ciclo di vita.

L’idea non ha valore

Per prima cosa, mettetevi in testa che, a parte rarissimi casi la vostra idea esiste già. La maggior parte delle idee sono miglioramenti o approcci diversi di realtà già esistenti sul mercato. E indipendentemente da quale sia il “nuovo approccio rivoluzionario” che avete pensato, è probabile che qualcun’altro, da qualche parte del mondo, ci abbia già pensato.
Quello che rende due idee uguali, diverse tra loro, è proprio il vostro lavoro. Siete voi e il vostro team che, inquadrando il problema, studiando una soluzione e sviluppandola, la renderete diversa da tutte le altre idee uguali.
L’esempio più lampante è Google. Quando Sergey Brin e Larry Page iniziarono a lavorarci sopra nel 1997, l’idea di un motore di ricerca era assolutamente già presente e consacrata nel web. Ne esistevano tanti e gli utenti erano contenti del loro funzionamento. L’idea di un motore di ricerca nuovo aveva valore pari a zero. Ciò che ha differenziato Google dal resto del mondo è stato l’approccio e lo sviluppo tecnologico che lo ha reso diverso da tutti gli altri, un prodotto che già esiste sul mercato, ma sviluppato in maniera completamente diversa.
È proprio lo sviluppo della tua idea che può avere un valore. Ci sono idee davvero stupide che spopolano (snoggie ad esempio) e grandissime idee di business che crollano a causa di un errato sviluppo (o addirittura perchè non vengono sviluppate).
È il caso di “UFC” (Ultimate Fighting Championship), una lega dedicata alle arti marziali, creata nel 1993 dalla Semaphore Entertainment che andò in bancarotta in poco tempo. Due magnati di casinò, Frank e Lorenzo Fertitta, la acquistarono dopo due anni per pochi spiccioli e dopo 3 anni l’UCF è stato valutato circa un miliardo di dollari.
Una società che valeva niente, di colpo, arriva al valore di un miliardo di dollari. L’idea (una lega dedicata alle arti marziali) è rimasta la stessa, è cambiato lo sviluppo di essa.

Smettete di proteggere la vostra idea trattenendola segreta. Non rallentatela, codividetela, sviluppatela e fatela diventare un valore tangibile. Allora sì che vi potrete occupare di proteggerla.

Post correlati

Diplomato come perito informatico, lavora da più di 10 anni nel mondo della consulenza ICT a Milano, gestendo progetti di grandi aziende del settore Energy&Utilities. CoFounder di Bubblesort, una startup dedicata a un innovativo servizio di e-recruiting, appassionato di tecnologia, mobile technologies e di startup.

    1 comments

    Lascia un commento

    *