Startup: un esercito in crescita, ma più di una su due è in perdita

startup-news coopstartup

Stando agli ultimi dati elaborati dal Ministero dello Sviluppo Economico e InfoCamere, in collaborazione con UnionCamere, al 31 dicembre 2017 le startup innovative iscritte alla sezione speciale del Registro delle Imprese erano 8.897 unità, in incremento di 506 unità (+ 6%) rispetto alla fine del 2016, con un capitale sociale pari a 499 milioni di euro (+ 18%), contro 423 milioni di euro di fine esercizio precedente, per un media di poco più di 56 mila euro per impresa.

Ad ogni modo, questa maggiore dinamicità non si è riflessa certamente sulla bontà dei risultati d’esercizio, considerando che, almeno fino ad ora, i bilanci mostrano come il valore della produzione medio sia pari a 150 mila euro, in flessione del 2,9% rispetto al periodo precedente. Cala anche l’attivo medio, ora pari a 263 mila euro, in calo dell’1,6%. In linea con l’anno precedente è il reddito operativo complessivo, negativo per 88 milioni di euro. Un contesto che si ripercuote anche sul risultato netto d’esercizio, considerato che il 56,6% del totale delle società ha chiuso il bilancio in perdita.

Una condizione comunque non preoccupante e, se vogliamo, addirittura fisiologica, considerando che si tratta di società di recente costituzione (e dunque mediamente lontane dal break-even point) e ad elevato contenuto tecnologico.

Per quanto concerne gli altri dati statistici, emergono poche sorprese sul fronte della distribuzione geografica, con la Lombardia che rimane la regione in cui è localizzato il maggior numero di startup, superando nell’ultimo trimestre quota 2.100 unità, ovvero un quarto del totale nazionale. A seguire il Lazio, con 911 unità (il 10,2% del totale), mentre in terza posizione scende l’Emilia – Romagna, con 884 unità (il 9,9% del totale). Seguono il Veneto (822 unità) e la Campania, con quest’ultima che è la prima regione del Mezzogiorno con 658 unità.

Post correlati

Roberto Rais

Giornalista, copywriter ed esperto in marketing editoriale, collabora con alcuni dei più noti network nazionali dell'informazione

    Lascia un commento

    *