Qualcomm inserisce il 5G nei nuovi chip. Da febbraio sui primi smartphone di fascia alta


Il passaggio al 5G è ormai questione di mesi, almeno per chi conta di comperare nel 2019 uno smartphone di fascia alta come il Samsung Galaxy S10. Il nuovo modello di punta del produttore coreano dovrebbe venire annunciato al Mobile World Congress di Barcellona in febbraio e utilizzerà il nuovo chip SnapDragon 855 appena presentato da Qualcomm, durante lo Snapdragon Technology Summit che si è tenuto in questi giorni alle isole Hawaii. I gestori telefonici hanno ormai terminato quasi ovunque la sperimentazione della tecnologia di comunicazione mobile 5G e, almeno nelle principali città, il 2019 vedrà velocità di navigazione molte volte superiori rispetto a quelle attualmente permesse dal 4G.  Almeno sulla carta la velocità massima raggiungibile del 5G sarà di 20 gigabit, superiore a gran parte delle connessioni più veloci, comprese quelle in fibra.

Almeno sulla carta la velocità massima raggiungibile del 5G sarà di 20 gigabit, superiore a gran parte delle connessioni più veloci, comprese quelle in fibra.

E siccome la velocità da sola non basta, Qualcomm ha inserito anche un nuovo motore neurale per tutte le applicazioni di Intelligenza Artificiale, a partire dal sistema di riconoscimento dei volti e dell’ambiente circostante. Secondo il presidente di Qualcomm, Cristiano Amon, la tecnologia 5G rappresenterà una vera rivoluzione sia per le aziende che per i singoli cittadini. Tra i vantaggi della tecnologia 5G c’è una maggiore copertura del territorio, un tempo di latenza molto inferiore rispetto al 4G con vantaggi non solo per chi si diverte a giocare online ma anche per chi deve effettuare videoconferenze in HD e per un numero sempre maggiore di dispositivi connessi a Internet (Internet of Things). Lo Snapdragon Technology Summit si è svolto alle isole Hawaii che per l’occasione hanno potuto godere di una connessione globale a 5G con qualche mese di anticipo rispetto al continente americano e a quello europeo.

Post correlati

Francesco Pensabene

20+ years experience as a tech journalist, senior writer and editor.

Lascia un commento

*