Il 75% dei Millennials preferisce lavorare fuori dall’ufficio

millenials startup news


Il modo di lavorare sta cambiando e pochi (soprattutto tra i meno giovani) se ne stanno accorgendo. Secondo un rapporto di Deloitte  gran parte dei Millennials di tutto il mondo, cioè le persone nate tra il 1982 e il 1996, che oggi hanno tra i 22 e i 36 anni, vorrebbero poter lavorare lontani da ufficio e scrivania. Per realizzare lo studio sono state intervistate 7.700 persone di 29 nazioni di tutto il mondo con un titolo di studio superiore o una laurea e che lavorano full time presso aziende di almeno 50 persone. Il 75% di questi non concepiscono i classici orari di ufficio e vogliono poter lavorare quando e come vogliono. In tutto ciò sono naturalmente facilitati dalla tecnologia visto che oggi gran parte dei lavori si possono eseguire in remoto, come dimostra la scelta di Microsoft e IBM di abolire le scrivanie personali e di lasciare solamente degli spazi comuni nelle aziende in cui chi ha bisogno di un appoggio lo può usare solo per il tempo che gli serve. Ma oltre alla mobilità è importante anche l’indipendenza per i giovani lavoratori del ventunesimo secolo, visto che solo il 15% dei Millennials pensa di restare nella stessa azienda da qui a dieci anni e più del 50% vorrebbe trovare un nuovo impiego nei prossimi due anni.

Solo il 15% dei Millennials pensa di restare nella stessa azienda da qui a dieci anni e più del 50% vorrebbe trovare un nuovo impiego nei prossimi due anni

I giovani più conservatori sono i belgi e gli spagnoli e più in generale gli europei mentre quelli che vorrebbero muoversi di più sono gli indiani e i peruviani e più in generale i lavoratori dei paesi emergenti. La tendenza al cambiamento parte ancora una volta dai paesi più “giovani”, ma questa non è una novità.

Post correlati

Francesco Pensabene

20+ years experience as a tech journalist, senior writer and editor.

Lascia un commento

*