Fisco & startup, scadenze e tasse di gennaio 2018

tasse di gennaio 2018


Terminato l’intenso periodo fiscale dell’ultima parte del secondo anno, per le startup è tempo di rifiatare, ma… non troppo. Cerchiamo dunque di riepilogare di seguito quali sono le principali scadenze fiscali del mese di gennaio, da segnare in calendario!

Lunedì 15 gennaio 2018

  • Ravvedimento operoso (nei 30 giorni): scade oggi il termine per il versamento, attraverso lo strumento del ravvedimento operoso, dell’IVA non versata o versata in misura insufficiente entro il 16 dicembre 2017.
  • Scontrini e ricevute fiscali (annotazione cumulativa): scade il termine per annotare in via cumulativa sul registro dei corrispettivi, le ricevute e gli scontrini fiscali emessi nel mese precedente dai commercianti al minuto ed assimilati.
  • Annotazione delle fatture di modico importo: scade il termine per annotare in via cumulativa le fatture di importo inferiore a 300 euro ricevute il mese precedente.
  • Fatturazione differita: scade il termine per emettere fatture differite per beni spediti con DDT nel mese precedente (l’imposta relativa andrà a far parte della liquidazione del mese precedente).
  • Fatturazione differita per i servizi resi: scade il termine per emettere e per registrare un’unica fattura riepilogativa di tutte le prestazioni di servizi individuabili attraverso idonea documentazione, effettuate nel corso del mese precedente nei confronti del medesimo soggetto.
  • Registrazione delle fatture per acquisti intracomunitari di beni e servizi: scade il termine per annotare sui registri IVA gli acquisti intracomunitari di beni e servizi con riferimento alle relative fatture ricevute nel mese precedente.
  • Fatturazione cessioni intracomunitarie: scade il termine per emettere le fatture relative alle cessioni intra-UE effettuate nel mese precedente (con indicazione che trattasi di operazione non imponibile ex art. 41 del D.L. n. 331/1993).
  • Autofattura: scade il termine di autofatturazione per i cessionari che non hanno ricevuto la fattura dal fornitore UE, in relazione al terzo mese antecedente, con registrazione entro il termine di emissione con riferimento al mese precedente.
  • Fattura integrativa: nel caso di ricevimento di fattura intracomunitaria con corrispettivo inferiore al reale, scade oggi il termine per emettere fattura integrativa.
  • Ravvedimento entro 90 giorni dal versamento dell’IVA mensile: scade il termine per usufruire dello strumento del ravvedimento operoso che permette di regolarizzare i mancati versamenti IVA nel mese di ottobre, versando l’imposta dovuta, gli interessi legali e una sanzione ridotta ad 1/9 del minimo, ossia 1,67%.

Martedì 16 gennaio 2018

  • Liquidazione periodica e versamento IVA: termine ultimo per i contribuenti mensili per poter procedere alla liquidazione e al versamento in via telematica, mediante Mod. F24, dell’IVA dovuta per il mese precedente.
  • Versamento IVA: termine ultimo per i contribuenti mensili con contabilità presso terzi per versare l’imposta dovuta per il secondo mese precedente (novembre).
  • Compensazione orizzontale del credito annuale IVA non superiore a 5.000 euro: scade il termine per la compensazione del credito annuale IVA; superati i primi 5.000 euro di compensazione, si ricade nella compensazione per crediti superiori a tale importo.

Giovedì 25 gennaio 2018

  • Elenchi INTRA (beni e/o servizi): scade il termine per i contribuenti mensili, imprese e professionisti, per l’invio telematico, ai soli fini statistici, all’Agenzia delle dogane, degli elenchi riepilogativi relativi agli acquisti e cessioni di beni nonché alle prestazioni di servizi generici intervenute con soggetti intracomunitari nel mese di dicembre 2017. Ricordiamo che vengono considerati come soggetti mensili quelli per i quali l’ammontare totale trimestrale di: acquisti di beni sia, per almeno uno dei quattro trimestri precedenti, uguale o superiore a 200.000 euro; acquisti di servizi, qualora l’ammontare totale trimestrale di detti acquisti sia, per almeno uno dei quattro trimestri precedenti, uguale o superiore a 100.000 euro.
  • Elenchi INTRA (beni e/o servizi): scade il termine per i contribuenti trimestrali di inviare telematicamente all’Agenzia delle dogane gli elenchi riepilogativi relativi delle cessioni e prestazioni realizzate nel trimestre ottobre – dicembre 2017. Ricordiamo che vengono considerati soggetti trimestrali quelli che hanno realizzato nei quattro trimestri solari precedenti operazioni (cessioni di beni ovvero prestazioni di servizi) per un ammontare nel trimestre non superiore a 50.000 euro per ciascuna di queste tipologie.

Lunedì 29 gennaio 2018

  • Ravvedimento acconto annuale IVA: scade oggi il termine per il ravvedimento operoso relativo al ritardato od omesso versamento dell’acconto IVA annuale che doveva essere versato il 27 dicembre 2016.

Martedì 30 gennaio 2018

  • Ravvedimento operoso sprint: scade il termine ultimo per regolarizzare gli omessi versamenti IVA al 16 gennaio 2018, mediante il pagamento in via telematica (Mod. F24), con la sanzione ridotta allo 0,1% per ogni giorno di ritardo e sino al quattordicesimo (art. 23, comma 21, D.L. n. 98/2011).

Mercoledì 31 gennaio 2018

  • Acquisti intracomunitari: scade il termine per annotare sui registri IVA degli acquisti e delle vendite le fatture per acquisti intracomunitari ricevute nel mese.
  • Scheda carburanti: scade il termine per la rilevazione dei chilometri effettuati nel mese (obbligo solo per le imprese e non per i lavoratori autonomi). Coloro che utilizzano esclusivamente carte di credito, di debito, prepagate, emesse da operatori finanziari con obbligo di comunicazione all’anagrafe tributaria, possono non più istituire la carta carburanti. E` possibile annotare nel registro degli acquisti, prima della liquidazione periodica, l’imponibile, l’imposta detraibile e la porzione non detraibile oppure rinviare detta annotazione a un momento successivo ma non oltre il 31 dicembre.

Post correlati

Roberto Rais

Giornalista, copywriter ed esperto in marketing editoriale, collabora con alcuni dei più noti network nazionali dell'informazione

    Lascia un commento

    *