Dock3Training: dall’idea al mercato

Dock3training, iniziativa di Università degli Studi Roma Tre per le giovani startup


L’Università degli Studi di Roma Tre ha lanciato Dock3Training, progetto che mette a disposizione 50 posti riservati a studenti, ricercatori e laureati di ogni disciplina e percorso di studi che andranno a comporre 10/12 team con background multidisciplinare (scientifico, tecnico, sociale e umanistico).

Un percorso per validare la propria idea imprenditoriale e passare in due mesi dall’idea al mercato. L’obiettivo è avere in ogni team tutte le competenze necessarie per affrontare lo sviluppo dell’idea imprenditoriale, sotto ogni punto di vista.

Otto incontri su varie tematiche

Sono previsti otto incontri, tra giugno e settembre 2018, incentrati su varie tematiche: team building, customer discovery, business modelling, service and product development e pitching. Ogni team definirà la propria idea imprenditoriale confrontando e condividendo stimoli ed esperienze, identificherà un modello di business e validerà la propria idea in un ambiente protetto. A supporto dei partecipanti saranno presenti oltre 50 mentor esperti di settore, investitori, imprenditori, professori ed ex studenti di Roma Tre che hanno già fondato una propria startup.

Presentazione dei progetti

A settembre, i team presenteranno i rispettivi progetti di fronte a una platea di mentor, istituzioni, aziende, università ed esperti del settore. Una giuria interdisciplinare e rappresentativa dell’ecosistema delle startup italiano, selezionerà i migliori team, che saranno successivamente inseriti nel primo programma di incubazione di Roma Tre.

È possibile presentare domanda di iscrizione fino a mercoledì 6 giugno.

Per candidature e ulteriori informazioni, visitate il sito www.dock3.it

Post correlati

Redazione

StartUP-NEWS.it è scritta, ideata e portata avanti da persone che sono prima di tutto startupper di se stesse, giornalisti e liberi professionisti che ogni giorno si scontrano e incontrano in prima persona con le problematiche e le realtà che decidiamo di raccontare.

    Lascia un commento

    *