Click&Boat raccoglie 4 milioni per l’espansione globale

Click&Boat

Fondata 4 anni fa, la startup per il noleggio di barche è cresciuta in modo esponenziale, diventando leader globale. Questo nuovo finanziamento permetterà all’azienda di accelerare il suo percorso di espansione, puntando in particolare a nuove acquisizioni.

Ma come è nata Click&Boat e come si è evoluta? Ne parliamo con Edouard Gorioux, cofondatore.

Come avete avuto l’idea di Click&Boat?

Click&Boat nasce da un’osservazione e da un incontro: l’osservazione è stata che le imbarcazioni in genere vengono utilizzate molto poco (in Europa, in media una barca viene sfruttata per 10 giorni all’anno). L’incontro fondamentale, invece, è stato quello con il mio partner in affari Jérémy Bismuth, quando entrambi lavoravamo in Mazars. Volevamo incentivare l’utilizzo delle imbarcazioni che rimanevano in porto e rendere più accessibile la nautica a tutti creando una piattaforma che mettesse in contatto i proprietari con coloro che cercano una barca da noleggiare per le proprie vacanze. Oggi Click&Boat offre più di 22.000 imbarcazioni in più di 22 paesi e vanta una community di oltre 200.000 persone, appassionate di nautica, viaggi e avventura. Da un lato, rende più semplice l’accesso alla nautica ma aiuta anche i proprietari ad affrontare i costi di gestione (un’imbarcazione costa circa il 10% del suo valore ogni anno) noleggiando occasionalmente la propria imbarcazione a persone di fiducia.

Quanti anni avevate all’epoca e quali sono stati i primi passi?

Avevamo 25 anni quando abbiamo fondato Click&Boat. Il primo passo è stato convincere il primo proprietario a mettere a disposizione la propria barca sulla nostra piattaforma. Non è stato semplice, così come convincere le persone a utilizzare Click&Boat per il noleggio. La piattaforma era totalmente sconosciuta a quel tempo. Un altro passo fondamentale è stato trovare un’assicurazione che permettesse ai proprietari di essere coperti per tutta la durata del noleggio.

Avete ricevuto fondi in crowdfunding?

No, abbiamo incontrato alcuni Business Angel che hanno investito nello sviluppo della startup. Dapprima 200mila euro nel marzo 2014 e poi 500mila euro, un anno più tardi.

Avete trovato subito degli investitori?

Si, grazie a un amico che ci ha messo in contatto con un gruppo di 5 Business Angel. È stato questo primo gruppo di persone a sostenere e aiutare l’inizio della nostra avventura.

Che differenze avete riscontrato tra il mercato italiano e quello francese?

In realtà sono mercati molto simili. Sia la Francia che l’Italia sono due paesi con una grande passione per la nautica. Inoltre, l’Italia ha bellissime destinazioni di mare così come la Francia.

Qual è la differenza principale tra voi e un noto operatore Italiano che offre un servizio (a prima vista) simile? (Sailsquare)

Sailsquare si basa su un modello diverso e offre solo imbarcazioni con skipper, mentre su Click&Boat è possibile scegliere tra 22.000 imbarcazioni in tutto il mondo, con o senza skipper. Detto questo, entrambe le piattaforme si basano sul principio della sharing economy e questo rappresenta un forte punto in comune.

Quali sono i vostri progetti futuri?

Nei prossimi 3 anni prevediamo di essere presenti in tutti i continenti con una flotta di più di 50.000 imbarcazioni noleggiabili. L’obiettivo per il prossimo anno invece è quello di rafforzare la nostra leadership in Europa, espandendoci in nuovi paesi, e di accelerare il nostro sviluppo negli Stati Uniti.
Insomma, abbiamo molti progetti per il futuro. Il principale resta quello di continuare a promuovere Click&Boat in tutto il mondo e di offrire le migliori esperienze ai nostri utenti.

 

Ti va di dare tre consigli a uno startupper che sta per partire con un nuovo progetto?

1) Ascolta i tuoi utenti

Ascoltare i clienti credo sia la chiave fondamentale del successo. Ascoltando i nostri utenti, i loro desideri e le loro aspettative, abbiamo costruito la piattaforma più intuitiva ed efficiente per prenotare una barca su Internet. Oggi, con più di 22.000 barche a noleggio in Europa, permettiamo a centinaia di migliaia di appassionati di navigare ogni anno in modo semplice, economico e divertente. Allo stesso modo, quando il proprietario e il viaggiatore si incontrano per la consegna delle chiavi e per spiegare il funzionamento della barca, questo momento è importantissimo per la qualità dell’esperienza. Ascoltare sempre gli utenti (e il nostro team) è, a mio avviso, il fattore che ha contribuito maggiormente al successo di Click&Boat.

2) Trova il partner giusto

Per realizzare una startup ci vogliono molte energie, lavoro e abilità in diverse aree. Per questo, è fondamentale trovare il partner giusto. Secondo me il partner giusto è una persona che ti è complementare e con la quale hai un ottimo rapporto. Nel caso di Click&Boat, io e Jérémy ci siamo trovati perfettamente!

3) Fatti le domande giuste

Prima di iniziare, fatti le domande giuste: le dimensioni del mercato, il livello di competizione, la possibilità di creare valore e di essere disruptive rispetto al mercato esistente. Una volta che hai definito l’idea, non ti resta che far di tutto per realizzarla!

Post correlati

Redazione

StartUP-NEWS.it è scritta, ideata e portata avanti da persone che sono prima di tutto startupper di se stesse, giornalisti e liberi professionisti che ogni giorno si scontrano e incontrano in prima persona con le problematiche e le realtà che decidiamo di raccontare.

    Lascia un commento

    *