Smartphone, cresce il numero dei navigatori mobile

Web surfer


I dati forniti dai rapporti del Politecnico di Milano sono strumenti preziosi per chiunque operi nel mondo dell’innovazione e della tecnologia. Quelli dell’ultimo studio sulle dinamiche del mercato Mobile Internet in Italia, per esempio, offrono dati interessantissimi. Il numero di utenti mensili che si collegano ad Internet dal proprio cellulare o smarphone (chiamati mobile surfer) è arrivato, a giugno 2013, a 24 milioni, pari a oltre tre quarti degli utenti Internet mensili da Pc. Rispetto al 2012 si è registrato un aumento pari al 33%. Una cifra notevole!

 

 Nel 2012 le tariffe Flat per la prima volta superano il 50% del totale mercato. Fonte: Osservatori Digital Innovation – Politecnico di Milano.

I motivi che determinano la crescita e le prospettive del Mobile Internet

 

  1. L’elevato tasso di penetrazione degli Smartphone, arrivati a 28 milioni a giugno 2013, ovvero più della metà della popolazione italiana con almeno un telefono cellulare (Fonte: comScore)
  2. La velocità di diffusione della rete LTE e, allo stesso tempo, la capacità di valorizzarla con un premium price
  3. Strettamente dipendente dal punto precedente, la capacità di offrire servizi in abbinamento alle tariffe di Mobile Internet, come accade già allìestero (ad esempio musica, servizi di storage online/cloud, ecc.), che
    costituiscono un’opportunità anche per fidelizzare il cliente stesso
  4. Un’eventuale evoluzione normativa sulla possibilità di differenziare il servizio per target di utenza variegati o per differenti fornitori di contenuto, ambito su cui sono, da tempo, attivi tavoli di lavoro e consultazioni guidati dal Berec, ovvero l’organismo dei regolatori europei delle comunicazioni elettroniche.

 

Fonte: osservatori.net

Post correlati

Redazione

StartUP-NEWS.it è scritta, ideata e portata avanti da persone che sono prima di tutto startupper di se stesse, giornalisti e liberi professionisti che ogni giorno si scontrano e incontrano in prima persona con le problematiche e le realtà che decidiamo di raccontare.

    Lascia un commento

    *