Media e internet, ecco i numeri del mercato italiano

New-Media-StartUP-News


Chi sono gli attori che oggi più che mai guidano il mercato italiano dei new media? Ebbene, secondo uno studio condotto dall’osservatorio del Politecnico di Milano, i riflettori sono puntati tutti su:Mobile, Social, Video e Datadriven Advertising.

Il panorama dei Media in Italia è purtroppo ancora negativo, tuttavia la componente legata a Internet mostra dei dati positivi con una crescita del 18% che raggiunge un valore di circa 1,9 miliardi di euro, avvicinandosi alla soglia psicologica dei 2 miliardi.

In 5 anni gli Internet Media hanno duplicato il loro valore, passando da un’incidenza sul totale mercato Media del 5% nel 2008, ad un’incidenza del 12%. Prevediamo che tra 5 anni, nel 2018, potrebbero arrivare a pesare oltre il 20%. Osservatori.net

La crescita è dovuta in particolare della spinta di quattro componenti:

  1. Mobile. I ricavi – sia Pubblicitari che Pay – generati dagli Internet Media su Smartphone sono in crescita quasi del 170%;
  2. Social. La pubblicità sui Social Network (Facebook in primis) balza in avanti del 75%;
  3. Video. I ricavi – sia Pubblicitari che Pay – generati dai Video Online crescono del 37%;
  4. Data-driven Advertising. La pubblicità basata sulle aste che utilizzano in tempo reale i dati sugli utenti intercetta nel 2013 circa il 4% del Display Advertising, una cifra ancora piccola in valore assoluto ma che va letta in una prospettiva dinamica, in quanto era trascurabile nel 2012 e potrebbe più che raddoppiare nel 2014.

Il rapporto completo, acquistabile sul sito dell’Osservatorio, fotografa la situazione del mercato Media in Italia nel suo complesso dal 2008 ad oggi per poi focalizzarsi sugli Internet Media e sulle sue componenti più innovative.

Fonte. Osservatori.net

Post correlati

Redazione

StartUP-NEWS.it è scritta, ideata e portata avanti da persone che sono prima di tutto startupper di se stesse, giornalisti e liberi professionisti che ogni giorno si scontrano e incontrano in prima persona con le problematiche e le realtà che decidiamo di raccontare.