Internet of things, in Italia è boom!

Internet of things

Le tecnologie

Le recenti evoluzioni in ambito connettività danno un importante sostegno allo sviluppo delle applicazioni IoT. “La disponibilità di nuove reti IoT a lungo raggio solleva gli sviluppatori dalla necessità di implementare una infrastruttura di comunicazione dedicata e abbassa enormemente la barriera d’ingresso per prodotti e servizi basati su idee innovative” sottolinea Antonio Capone, ordinario di Telecomunicazioni e membro del gruppo di lavoro dell’Osservatorio Internet of Things. 

Proprio sul versante dei protocolli a lungo raggio, in particolare, sono state raggiunte alcune tappe importanti anche nel nostro Paese: la rete SigFox, in partnership con Nettrotter, a fine 2016 era già in grado di coprire oltre il 70% della popolazione italiana (tutti i comuni con più di 100.000 abitanti), diventando la prima rete pubblica LPWA (Low Power Wide Area) dedicata ad applicazioni IoT disponibile a livello nazionale. Questa rete arriverà a coprire circa il 90% della popolazione entro la fine del 2017 garantendo così il supporto ad applicazioni mobili e/o implementabili su quasi tutto il territorio nazionale e anche su scala continentale. La tecnologia LoRaWAN è in fase di sperimentazione in varie città italiane da parte di più attori, come iNebula, Ray Way, Telemar, Unidata, mentre più matura è la realizzazione di A2A Smart City nei territori di Milano, Brescia e Bergamo. Infine, è stata completata la ratifica dello standard Narrow-Band IoT (NB-IoT, giugno 2016) e gli operatori hanno annunciato anche in Italia la disponibilità di servizi commerciali entro fine 2017, mentre già parte la sperimentazione sui servizi per l’IoT delle future reti 5G grazie ad un bando del MISE sull’uso delle frequenze 3.6-3.8 GHz.

Post correlati

Redazione

About Redazione

StartUP-NEWS.it è scritta, ideata e portata avanti da persone che sono prima di tutto startupper di se stesse, giornalisti e liberi professionisti che ogni giorno si scontrano e incontrano in prima persona con le problematiche e le realtà che decidiamo di raccontare.

Lascia un commento

*