In Friuli bando per creazione nuove imprese femminili

Imprese femminili


La Regione Friuli Venezia Giulia ha lanciato un nuovo bando con il quale intende erogare contributi a fondo perduto, a sostegno di progetti di imprenditoria femminile, nei settori dell’artigianato, dell’industria, del commercio, del turismo e dei servizi.

Ma chi possono essere i beneficiari? A quanto ammonta il contributo? Come farne richiesta?

Beneficiari

Stando al tenore del bando, possono richiedere i contributi le nuove PMI femminili con sede legale (o unità operativa oggetto dell’investimento) in Friuli Venezia Giulia.

È tuttavia necessario che la PMI sia iscritta da meno di 36 mesi al registro delle imprese alla data di presentazione della domanda di contributo, e non sia partecipata in maggioranza da altre imprese. Ancora, non rientrano le società che risultano essere frutto di una trasformazione di società preesistente o da fusione o scissione di società preesistenti, così come le imprese che sono state costituite mediante conferimento d’azienda o di ramo d’azienda da parte di impresa preesistente.

Per impresa femminile, si intende l’impresa in cui la maggioranza delle quote è nella titolarità di donne

Per quanto riguarda la caratteristica di impresa femminile, si intende invece l’impresa in cui la maggioranza delle quote è nella titolarità di donne, ovvero l’impresa cooperativa in cui la maggioranza dei soci è composta da donne e l’impresa individuale il cui titolare è una donna nonché, nel caso della società di persone composta da due soci, la società in accomandita semplice il cui socio accomandatario è una donna e la società in nome collettivo il cui socio donna è anche il legale rappresentante della società.

A quanto ammonta il contributo

L’importo minimo del contributo è pari a 2.500,00 euro, mentre quello massimo è pari a 30.000,00 euro. In ogni caso, l’intensità del contributo è pari al 50 per cento della spesa ammissibile.

Quali sono le spese ammissibili

Ricordiamo infine che sono dichiarate ammissibili le seguenti spese strettamente legate alla realizzazione del progetto, sia se sostenute dopo la presentazione della domanda sia se sostenute prima della presentazione della domanda:

  • Spese per investimenti, strettamente funzionali all’esercizio dell’attività economica, relativi all’acquisto e locazione finanziaria di: impianti specifici, arredi, macchinari, strumenti e attrezzature, beni immateriali (diritti di licenza, software, brevetti, know-how), hardware, automezzi, sistemi di sicurezza, materiali e servizi concernenti pubblicità e attività promozionali, nei limiti di spesa massima di 10.000,00 euro.
  • Spese per la costituzione, quali spese notarili relative all’onorario, spese connesse agli adempimenti obbligatori per l’avvio dell’impresa nonché business plan nel limite massimo di 10.000,00 euro.
  • Spese di primo impianto, quali adeguamento o ristrutturazione dei locali dell’impresa, nel limite massimo di 40.000,00 euro, realizzazione o ampliamento del sito internet, nei limiti di spesa massima di 5.000,00 euro, locazione dei locali, per una periodo massimo di 12 mesi e una spesa massima di 15.000,00 euro, avvio attività di franchising, limitatamente al diritto di ingresso nel limite di spesa massima di 25.000,00 euro.
  • Spese per microcredito: nel caso in cui il beneficiario sia una microimpresa, sono ammissibili, le seguenti spese relative ad operazioni di microcredito effettuate dalla microimpresa ai fini del finanziamento della realizzazione del progetto di imprenditoria femminile: premio e spese di istruttoria per l’ottenimento di garanzie, in forma di fideiussioni o di garanzie a prima richiesta, rilasciate nell’interesse dell’impresa beneficiaria da banche, istituti assicurativi e confidi, nel limite di spesa massima pari a 2.000 euro; oneri finanziari relativi all’effettuazione dell’operazione di microcredito con riguardo agli interessi passivi e alle spese di istruttoria e di perizia nel limite di spesa massima pari a 1.000 euro.

Come presentare la domanda

La domanda di contributo potrà essere presentata dall’impresa richiedente alla Camera di Commercio territorialmente competente.

Termini di partecipazione

Le domande possono essere presentate entro le ore 16.30 di martedì 28 novembre 2017.

Maggiori informazioni

È possibile ottenere maggiori informazioni facendo riferimento alla pagina dedicata sul sito internet della Regione FVG.

Post correlati

Roberto Rais

Giornalista, copywriter ed esperto in marketing editoriale, collabora con alcuni dei più noti network nazionali dell’informazione

    Lascia un commento

    *