Franchising: PRO e CONTRO per l’affiliato

Franchising startup-news

Gastronomie, negozi di abbigliamento, servizi di grafica o supporto logistico: le possibilità di business nel grande mondo del franchising sono tantissime, e per chi ha passione e voglia di fare esistono opportunità concrete di guadagno. L’affiliazione commerciale, o franchising, è un contratto che viene stipulato tra franchisor (l’azienda) e franchisee (l’imprenditore affiliato) nel quale il primo mette a disposizione del secondo le proprie conoscenze nel settore, i diritti di proprietà industriale o intellettuale su marchi, brevetti, insegne, ecc… e fornisce assistenza e formazione.

Aprire un’attività in franchising non è di per sé una garanzia di successo. Prima di prendere seriamente in considerazione questa possibilità, dobbiamo confrontarci con i principali vantaggi, svantaggi, oneri e obblighi legati a un qualsiasi contratto di affiliazione. Ricordiamoci però che possono esistere differenze sostanziali tra le numerose formule di franchising presenti sul mercato.

 

VANTAGGI

  1. Fare parte di una media o grande realtà già avviata porta sicuramente dei vantaggi ai franchisee.
  2. Meno rischi. L’attività che decideremo di aprire è già stata testata da altri imprenditori, potremo sapere fin dall’inizio, almeno in parte, quali saranno le difficoltà che dovremo affrontare.
  3. Buona reputazione. Aderendo a un progetto solido con un marchio già conosciuto e apprezzato dal pubblico non dovremo faticare troppo per costruirci una reputazione aziendale.
  4. L’unione fa la forza. Franchisor e franchisee condividono gli stessi interessi, quindi in un sistema di franchising che funziona si aiutano a vicenda perché l’attività cresca e abbia successo.

Formazione, assistenza e gestione più semplice.

Un buon contratto di affiliazione deve prevedere corsi di formazione e periodi di affiancamento con operatori esperti per guidare il franchisee non solo nella fase di avvio dell’attività, ma anche nei momenti di difficoltà e di crescita. Anche chi ha già esperienza nel settore che ha scelto, può non avere tutte le competenze necessarie (per quanto riguarda adempimenti fiscali, strategie di marketing…), i franchising migliori assistono ogni affiliato nella conduzione del proprio business a 360 gradi, offrendo soluzioni funzionali. Nella maggior parte dei casi i franchisor mettono a disposizione sistemi di gestione e controllo dell’attività (ad esempio programmi informatici per organizzare il magazzino e inventariare le merci) che facilitano la gestione ordinaria e straordinaria di un’attività.

Spese pubblicitarie e di organizzazione condivise.

Le realtà ben avviate e radicate sul territorio si occupano a livello centralizzato di alcune attività di supporto e sostegno al negozio o al centro servizi in franchising: come le campagne pubblicitarie e il rapporto con i fornitori, facilitando la vita del franchisee e abbattendo i costi.

Facilitazioni nell’accesso al credito.

Molti franchisor hanno accordi vantaggiosi con banche e finanziarie, che permettono al franchisee di accedere con relativa facilità al prestito necessario per avviare l’attività.

Post correlati

Diplomata al liceo classico e laureata in biotecnologie industriali, da 7 anni lavora nel mondo dell’editoria di settore online e su carta stampata. Collabora durante le fasi di ideazione e rilancio di prodotti editoriali e si occupa di correzione di bozze, editing e revisione di articoli, saggi e romanzi.