Domee e i siti aggiornati dai social

Domee Startup News

Lo scorso 13 Gennaio ad Arezzo, Aruba ha premiato nel corso del Pitch Day le startup con progetti di crescita tali da meritare l’erogazione di un credito cloud fino a 75.000 euro, a fronte dei 6.000 di cui già godevano facendo parte del programma Aruba Cloud Startup. Ad essere selezionate, potendo beneficiare dell’ingresso nell’ambita formula Elite, sono state Domee, HRinCloud e MicroBees.

Domee, startup fondata a Firenze da Dotweb Srl e dall’acceleratore Nana Bianca, con quasi 20.000 utenti all’attivo, è una piattaforma online che consente di creare automaticamente un sito web a partire dai contenuti pubblicati sui social network.

Come funziona Domee

Solitamente,  mantenere aggiornato un sito è un’attività che richiede tempo e conoscenze di tipo tecnico. Con Domee, invece, il processo è completamente automatico e l’utente non deve perdere tempo né per la creazione iniziale del suo sito, né per mantenerlo aggiornato. Basta associare al sito i propri profili social e il sistema lo terrà aggiornato partendo proprio da quei contenuti. In pratica il sistema pesca i post e li visualizza sulle pagine web. L’idea è semplice, ma ribalta completamente l’idea che i testi vadano prima scritti sul proprio blog e poi condivisi sulle piattaforme social. Il processo è praticamente inverso.

Questa realtà è nata e pensata per il cloud dai suoi fondatori Valerio Gioia, Simone Falcini e Francesco Pisano che in questo momento non potrebbero immaginare il proprio site creator su un’infrastruttura fisica. Infatti, Il Cloud di Aruba si adatta perfettamente al progetto degli startupper perchè permette di adeguare i costi in base a quello che è il reale utilizzo delle singole risorse, grazie ad un modello pay-per-use.

Il cloud di Aruba è stato essenziale per la nostra storia in quanto ci ha permesso di focalizzarci sul nostro core business senza alcun onere di gestione: non è mai stata la nostra applicazione a doversi adattare al cloud, ma al contrario è sempre stato il cloud di Aruba ad adattarsi al nostro modo di pensare e sviluppare Domee“. Valerio Gioia, CEO di Domee.

Il Cloud di Aruba consente alla startup di scalare agevolmente le sue necessità di spazio e di traffico. Qualche tempo fa, per esempio, Domee è stata protagonista di un servizio televisivo, la cui messa in onda ha generato un picco improvviso di traffico. La flessibilità dell’infrastruttura e delle risorse, gestibili in completa autonomia attraverso un intuitivo pannello di gestione, ha fatto sì che fosse possibile scalare a seconda delle necessità consentendo il dimensionamento in base alle reali esigenze.

Un credito di 75mila euro

Ad oggi, dopo il conseguimento dei 75.000 euro di credito cloud e l’ingresso nella formula ELITE del programma Aruba Cloud Startup, Domee mira ad espandere la propria infrastruttura, così da utilizzare il credito vinto per ridurre i costi che ci si aspetta proprio dall’incremento di utenti che si è prefissato. Grazie all’espansione della propria infrastruttura Domee potrà studiare nuovi temi, progettare siti multilingua, consentire l’inserimento di contenuti personalizzati e favorire l’importazione di contenuti anche da blog. Con l’obiettivo di arrivare a 150.000 utenti entro il 2015 e, ovviamente, continuare a crescere sul cloud.

Il punto di vista di Aruba

Siamo convinti che Domee sia una startup di cui si continuerà a sentir parlare a lungo in quanto ha un tratto innovativo: pensa in cloud”  Stefano Cecconi, Amministratore Delegato di Aruba.

“Lo scopo di Domee è quello di togliere all’utente l’onere di aggiornare costantemente il proprio sito web, allo stesso modo il nostro compito è quello di togliere a Domee l’onere di gestire la propria infrastruttura, dandole modo di concentrarsi su un prodotto vincente e di sicuro successo.” Ha dichiarato Stefano Cecconi, Amministratore Delegato di Aruba.

 

Per saperne di più: Domee.

Per saperne di più: Aruba Cloud Startup.

Redazione

StartUP-NEWS.it è scritta, ideata e portata avanti da persone che sono prima di tutto startupper di se stesse, giornalisti e liberi professionisti che ogni giorno si scontrano e incontrano in prima persona con le problematiche e le realtà che decidiamo di raccontare.